mercoledì 1 luglio 2015

Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro „Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro.



Sempre più spesso capitano Clienti che chiedono preventivi per conoscere la vita delle proprie ex compagne. Quando gli si dice che per un Investigatore Privato non è possibile accettare questo tipo di incarichi perchè in vilazione con le più elementari normative in materia di Privacy, non demordono e avviano il "fai da te"..ecco poi i risultati.



Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro

Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro.




Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro
La macchina dell'amante della sua fidanzata continuava ad essere parcheggiata sotto casa anche dopo la pacificazione tra i due. Lui ha iniziato a minacciarlo, ma si trattava di un errore. Il vicentino ha chiesto scusa e pagherà un risarcimento di 10 mila euro.



Vicenza, perseguita l'amante ma sbaglia persona, pagherà 10 mila euro
Pensava di perseguitare l'ex amante della fidanzata, lasciandoli biglietti minacciosi sul cruscotto dell'auto, ma la macchina aveva cambiato padrone. Capito l'errore un vicentino ha dovuto scusarsi con la vittima staccando un assegno da 10 mila euro per evitare il tribunale.

Come riportato nelle pagine de Il Giornale di Vicenza, Paolo B. era fidanzato da anni con una sua coetanea che risiede in Riviera Berica. Nel 2013 la prima crisi della coppia, con una Chevrolet Matiz rossa sempre più spesso parcheggiata sotto casa della ragazza.  Proprio quel particolare aveva fatto scoprire a Paolo la storia parallela della compagna, portando alla rottura del rapporto. Nel 2014, però, la ragazza era tornata chiedendo scusa e supplicando un ricongiungimento e lui aveva accettato.  
Poco dopo il nuovo inizio, l'auto rossa era riapparsa nel parcheggio sotto casa della ragazza. Lui era andato su tutte le furie decidendo di prendersela con l'amante.  Accecato dalla gelosia, era passato dalle parole ai fatti, lasciando biglietti di minacce sul vetro dell'auto, tagliandone le gomme, rigando la portiera. Tutte "fatiche" inutili, la Matiz rimaneva sempre parcheggiata allo stesso posto. 
Qualche mese dopo la scoperta dell'errore: l'auto era stata venduta dall'ex amante ad un pensionato 71enne che spesso andava a trovare dei parenti residenti affianco della ragazza. L'uomo, ignaro della vicenda, aveva sporto querela, rivolgendosi alla polizia che grazie ad un filmato era risalita a Paolo. In questi giorni le scuse e l'accordo economico tra le due parti. 

Fonte: vicenzatoday.it
Massimiliano Altobelli - Investigatore Privato a Roma


Potrebbe interessarti: http://www.vicenzatoday.it/cronaca/vicenza-perseguita-l-amante-ma-sbaglia-persona-paghera-10-mila-euro.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/VicenzaToday/212021655498004

Rivalta, in fiamme l’auto di un investigatore privato


Questo ennesimo episodio negativo conferma quello, che per altro sono anni che dico, che la professione dell'Investigatore Privato, a differenza di altre professioni, è molto più a rischio. E non serve occuparsi di chissà quali casi di rilevanza penale, anzi molto spesso, occupandomi prevalentemente di indaginio in ambito privato (come le infedeltà ad esempio), mi trovo a partare al Cliente prove fotografiche di tradimenti. Tali prove vengono poi usate in Tribunale e, nella maggioranza dei casi, la persona oggetto di indagine ne esce con dei danni economici, anche ingenti.. ecco non tutti la vedono razionalmente e capiscono che ho fatto semplicemente il mio lavoro, anche bene, ma spesso sono portati a vedere in me la causa dei loro problemi e quindi pensano di vendicarsi. Cosa che sarà successa, probabilmente,  al collega di cui parla l'articolo seguente.








Rivalta, in fiamme l’auto di un investigatore privato




REGGIO EMILIA. Aveva lasciato l’auto per andare a cena. Ma, quando è tornato, l’ha trovata completamente distrutta. Un incendio, molto probabilmente di natura dolosa, di cui è rimasto vittima un investigatore privato. È quanto avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì, vicino al cimitero di Rivalta.
È circa l’una di notte quando al 113 arriva la segnalazione di un’auto data alle fiamme. Sul posto è stata inviata subito una pattuglia della polizia, che una volta raggiunto il luogo dell’incendio ha trovato i vigili del fuoco già impegnati a domare le fiamme. Il rogo, però, aveva completamente avvolto la Mercedes Glk. Subito scattano le indagini. E immediatamente emerge la pista dolosa. Per questo motivo, è stato subito rintracciato il proprietario, un investigatore privato ravennate. È proprio l’investigatore a raccontare che alcune ore prima aveva parcheggiato la sua autovettura vicino al cimitero per poi recarsi a cena con un amico.
E non era la prima volta che la sua auto veniva data alle fiamme. Già in altre sei circostanze qualcuno gli aveva incendiato l’auto. Sul posto, è intervenuto anche il personale della Polizia Scientifica per gli accertamenti tecnici, che indaga per risalire all’identità del responsabile e al movente.

Fonte: http://gazzettadireggio.gelocal.it

Massimiliano Altobelli - Investigatore Privato a Roma